Se avete provato a fare qualche esercizio descritto nella puntata precedente avrete probabilmente sentito fastidio ai polpacci.
Come mai? Li ho fatti male? Probabilmente no, ma è il risultato di uno stile di corsa un po’ troppo pesante.La pesantezza di corsa non dipende dal peso dell’atleta ma è correlata alla sua reattività. Stiamo cercando il modo di migliorarla e l’indicazione che stiamo facendo un buon lavoro è proprio il dolore ai polpacci che necessariamente andrà a diminuire in funzione dell’aumento della velocita.

Noi triatleti o runner siamo sempre portati a “fare km” mettendo tanta quantità e poca qualità ma se al termine del nostro allenamento ci prendiamo ancora 10′ per fare qualche esercizio di tecnica la nostra media finale di sicuro migliorerà. Ecco quindi come comportarsi al termine di un allenamento di corsa fatta a ritmo di fondo lento o fondo medio.

  1. Fai 20 salti in avanti a piedi uniti poi 30/40 mt di allungo non massimale
  2. Fai 20 passi lunghi di corsa (stile salto triplo) e poi ancora 30/40 mt di allungo non massimale
  3. Usa una panchina ( ma puo andare bene anche un marciapiede) per fare dei salti alternati (stile skip ma con l’appoggio) contane 20 x gamba. Più lo scalino è alto più sei obbligato ad alzare le ginocchia
  4. Fai 20 affondi scendendo bene con la gamba avanti
  5. Fai 20 balzi completi toccando le mani per terra e saltando in alto al massimo

Ripeti questa routine per almeno 3 volte

E ricordati che questo non deve sostituire un allenamento ma deve essere una sua integrazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*